Archifood è il sintetico ed efficace brand 
di Quid Edizioni che coniuga architettura, 
design, cultura del cibo e tutto il variegato mondo che ruota attorno a quest’ultimo. 


L’incontro magico e complesso che avviene tra uno chef, magari proprietario del locale, e un architetto al quale viene affidato il compito di realizzare il sogno dello chef stesso, e cioè il suo ristorante, è una delle storie che Archifood si propone di raccontare. 


E poi tanti designer, libri e mostre collegati all’enogastronomia, itinerari archi-golosi in Italia e all’estero, fotografie e illustrazioni per veri gourmet dell’estetica! Archifood nasce da una idea creativa di Arianna Mariani. 

Baldassoni Antonio - Un'estate al mare

 

Un'estate al mare


Testo di Arianna Mariani
Foto di Vito Corvasce

Il Riviera Mare: da chiosco tipico delle spiagge romagnole a restaurant-lounge radical chic. Giancarlo Tirotti, originario della Riviera romagnola ma vissuto a Roma per studi e a New York per alimentare la sua creatività, è l’ideatore del concept di un’oasi bianca nel paesaggio multicolor di Misano Adriatico. Intorno alla struttura solo ombrelloni, spiaggia e mare. Unico tratto del litorale a essere privo di alberghi. Il bianco quasi ottico del Riviera Mare salta subito all’occhio ma senza disturbarlo: non c’è distacco con gli elementi naturali circostanti. Anzi, alimenta il respiro e offre una pausa mitigante nel meriggiare a volte troppo rovente dei mesi estivi.
Il 2006 è l’anno in cui è stato effettuato l’intervento di riqualificazione del sito attraverso un attento utilizzo del legno, che riveste per intero la struttura. Gli arredi – vicini allo stile coloniale per forme e toni – sono stati reperiti in loco da Giancarlo Tirotti che li ha fatti sabbiare e scialbare in bianco, nelle sue diverse declinazioni. I complementi - vasi, candele, candelieri e strapuntini - sono il vezzo del locale e mutano di anno in anno seguendo il dictat di stagione che il trend-setter Tirotti puntualmente anticipa. Per l’estate 2009 il colore oro timidamente orna il bianco protagonista assoluto; l’anno precedente era il color corallo a svolgere il ruolo complementare.
L’ambiente è stato studiato per offrire una pausa nella giornata: luce, assenza di rumori, musica soffusa, cibo leggero e profumato di mare. Anche la sera, momento in cui il Riviera Mare apre le sue porte – e tendaggi – al popolo glam della riviera riccionese, il concept non muta: la musica è sempre soffusa, la luce è frammentata in caldi piccoli punti, il cibo è sempre orientato su pescato fresco e frutti di mare poco lavorati, ma artisticamente disposti su elegante vasellame da tavola. L’idea di Giancarlo Tirotti, secondo cui la moda influenza profondamente le sue creazioni, ispirate alla natura, permea l’atmosfera del Riviera Mare, la cucina è elaborata e la percezione del cliente che si avventura sulla lunga passerella di legno ornata da fasci di fili di piccole luci trasparenti.

Su