Archifood è il sintetico ed efficace brand 
di Quid Edizioni che coniuga architettura, 
design, cultura del cibo e tutto il variegato mondo che ruota attorno a quest’ultimo. 


L’incontro magico e complesso che avviene tra uno chef, magari proprietario del locale, e un architetto al quale viene affidato il compito di realizzare il sogno dello chef stesso, e cioè il suo ristorante, è una delle storie che Archifood si propone di raccontare. 


E poi tanti designer, libri e mostre collegati all’enogastronomia, itinerari archi-golosi in Italia e all’estero, fotografie e illustrazioni per veri gourmet dell’estetica! Archifood nasce da una idea creativa di Arianna Mariani. 

Kentaro Mori - A Pesaro splende uno spicchio di Sol Levante

 

A Pesaro splende uno spicchio di Sol Levante


Testo di Elena Tarfanelli
Foto di Vito Corvasce

Situato nel cuore di Pesaro, nella suggestiva cornice delimitata dal teatro Rossini e dai musei Olivierani, il ristorante Kentaro ha da poco spento la sua prima candelina.
Questo 'spicchio di Sol Levante', sorto appunto nell’estate 2010, è il risultato del progetto delle menti creative di tre amici –Diego Fabi, Francesco Bellazzecca e Kentaro Mori – con un denominatore comune: la passione per il Giappone, la buona cucina e il design.
Passioni che hanno trovato concretezza ed esprimono sapientemente tutte le loro potenzialità in un unico luogo: il ristorante Kentaro.
I tre amici, oggi soci titolari del locale, dopo essersi conosciuti hanno, infatti, deciso di intraprendere questa avventura che ha un lifestyle unico nel suo genere, dato dalla commistione perfetta tra saperi e sapori della cultura italiana e di quella nipponica. Progettato dal designer Kaori Shiina (approfondimenti su: www.archifood.it), il locale ha uno stile particolare ed è strutturato in due aree distinte: la prima, entrando, è la sala principale - da dove è possibile vedere lo chef all’opera -è caratterizzata da un’atmosfera sobria ed elegante nei toni naturali del legno cui fa da contrappunto un arredo minimale bianco latte.
Il secondo ambiente è rappresentato dal cortile interno, valorizzato da materiali naturali, quali legno e pietra, arricchito da note di colore delle sedute variopinte e da un piccolo giardino in stile giapponese. A completare gli ambienti lampade tondeggianti dalle luci calde ed avvolgenti e le ceramiche - con forme e colori essenziali e dalle linee morbide - realizzate espressamente per il ristorante dalla Fonderia Bucci.
Le pareti candide sono decorate con riproduzioni del logo, realizzato da Nicola Sancisi, che nella forma - lineare e stilizzata - e nel cromatismo è legato a maglia stretta al blu del mare. Veniamo alla proposta culinaria. Ci sono pietanze per ogni palato: dai piatti della tradizione giapponese, come i classici sushi e sashimi, a quelli più sofisticati e reinterpretati dall’estro creativo dello chef-sushi-man Kentaro Mori che vanta, nonostante la sua giovane età, una lunga esperienza in rinomati ristoranti a Tokio, nella metropoli milanese e nella calda Sardegna.
Per chi ama i sapori decisi, il sashimi sarà la scelta più azzeccata e chi invece vuole osare potrà gustare il tataki, piccoli involtini di salmone, tonno rosso e branzino appena scottati arricchiti al centro con la melanzana e conditi con salsa tataki.
Un piatto delicatissimo, invece, è il filetto di orata al vapore con ripieno di verdure miste e guarnito con uova di salmone. E chi non adora il pesce potrà optare per un gustosissimo sushi di Kobe, un nigiri a tutti gli effetti, ma
con carne di mucca di Kobe leggermente scottata. Dulcis in fundo, perché non terminare l’esperienza al Kentaro con il delizioso gelato al tè verde, cremoso e rinfrescante?
Per chi vuole concedersi un sapore più stravagante, invece, la scelta ideale sarà il gelato al sesamo nero, che va nettamente per la maggiore tra i dessert. A completare il tutto un’ampia e ricercata selezione di vini completata da altrettante birre giapponesi e italiane e dall’immancabile sakè.
Una cucina fusion che ha raccolto i favori di una clientela esigente e selezionata, affascinata dai nuovi trend che lo chef continuamente propone: materie prime di altissima qualità composte e ricomposte in creazioni dallo straordinario impatto estetico. Il piatto di sushi prevede una degustazione completa di pesce misto freschissimo, dal tonno rosso al branzino, dai gamberi allo sgombro, fino al polpo, presentati nella sua tradizionale combinazione con il riso.

Su